• Teva Page Title

Quando arriva il momento del lassativo

Magari esageravano le nostre nonne sostenendo che per stare bene bisogna “andare di corpo” una volta al giorno, meglio al mattino che alla sera.

 

immagine del intestino Non che sia falso, ma anche se capita ogni due giorni può essere ritenuto normale. Alzi però la mano chi riesce a mantenere questo buon equilibrio in tutti i momenti dell’anno. In teoria, in assenza di altre problematiche o malattie, un’alimentazione corretta e sana e la buona abitudine di fare quotidianamente movimento dovrebbero risultare sufficienti a questo scopo, eppure adottare uno stile di vita salutare non è sempre possibile. A mettere a repentaglio la suddetta pratica infatti basta poco: un impegno urgente sul lavoro, un evento stressante, un medicinale che interferisce con l’equilibrio gastrointestinale. Ecco come si inceppa il meccanismo, e occorre perciò risvegliarlo con rimedi in grado di rimetterlo in moto.

I farmaci lassativi possono essere una risposta. E’ importante quindi non dimenticarsi mai di mangiare sano ed equilibrato e di sottoporre il nostro corpo a una regolare attività fisica.  Quando, nonostante queste buoni abitudini, ci troviamo alle prese con stitichezza e difficoltà di evacuazione, sarebbe consigliabile ricorrere al suggerimento del nostro medico o di un farmacista. Gli esperti sapranno, in questi casi, indirizzarci verso il prodotto giusto, valutando anche eventuali interazioni con altri farmaci da noi assunti, sia per terapie croniche che transitorie.

USIAMOLI BENE

I lassativi sono dei farmaci a tutti gli effetti e, anche quando non prevedono prescrizione obbligatoria, devono essere usati con attenzione, meglio se su consiglio del medico o del farmacista. Perciò in caso di lieve irregolarità intestinale, è meglio ricorrere prima di tutto a metodi non farmacologici, intervenendo ad esempio sulla nostra alimentazione, ovvero assumendo cibi ricchi di fibre e cereali e bevendo molta acqua. Se questi accorgimenti non fossero sufficienti il lassativo si trasformerebbe, allora sì, in un valido rimedio. Teniamo sempre presente che l’intestino lento va aiutato a ripartire, ma poi deve saper andare avanti da solo: non è contemplabile che si abitui a riattivarsi puntualmente dietro una spinta. Quindi, abusare dei lassativi può indurre assuefazione e rendere i nostri appuntamenti con il bagno ancora più sporadici, compromettendo perciò l’azione del rimedio.

News correlate

Speciale intolleranza al lattosio

Speciale intolleranza al lattosio

L’intolleranza al lattosio è un disturbo che interessa il 75% della popolazione mondiale.

Se l’intestino ci chiede aiuto

Se l’intestino ci chiede aiuto

Viene chiamato pigro nel momento in cui non funziona correttamente, ma la colpa non è sua.

Reflusso, chi è costui?

Reflusso, chi è costui?

Bruciori di stomaco e dolori al petto, tensioni addominali, nausea e sensazione di pesantezza. Tutti questi sintomi hanno un nome: reflusso gastroesofageo.